Bertozzi & Casoni. Frammenti di quotidianità 
in concomitanza con Giuseppe De Nittis al Palazzo dei Diamanti

MLB Maria Livia Brunelli Gallery 
inaugurazione 30 novembre alle ore 17

Il duo di artisti, al pari di De Nittis, si concentra, per la mostra alla MLB Maria Livia Brunelli, su brevi momenti che racchiudono una storia, ma ancora di più, un concetto. L'avvento della fotografia nel XIX secolo ha fortemente influenzato il modo di ritrarre la realtà che ormai poteva essere sezionata nei suoi istanti e descritta da immagini salienti. Una singola immagine estrapolata dalla realtà permetteva di vedere, e capire, la realtà stessa oltre la superficie.

De Nittis fa di questo la sua cifra caratteristica: rappresenta l'aulicità del quotidiano, la bellezza del presente, ritrae il suo tempo per presentarlo ai suoi contemporanei e tramandarlo a noi posteri.

Bertozzi & Casoni evidenziano a noi stessi il nostro presente fatto di precarietà, consumo, ricerca e spreco. Raccolgono varie eredità del passato: dalle nature morte seicentesche traggono la vanitas e il memento mori, dal realismo ottocentesco la visione disillusa della realtà, dalle avanguardie surrealiste lo spessore concettuale del ready made. Poi creano presenze disturbanti e sconcertanti.

Con occhio disilluso colgono l'istante impudico, ci mostrano oggetti e situazioni del quotidiano comuni a tutti e comunemente ritenuti da nascondere, da sgomberare, da ripulire; ma è proprio questo istante che ci accomuna tutti.

Lo scarto, il rifiuto alimentare, sono invenzioni umane, non esistono in natura, e la loro quantità è proporzionale al grado di sviluppo sociale ed economico. Non c'è miglior rappresentazione del nostro tempo.

Negli accumuli di Bertozzi & Casoni ci ritroviamo: li riconosciamo e abbiamo l'istinto di smaltirli, ma Bertozzi & Casoni ci bloccano, li bloccano nella ceramica. L'accumulo casuale, perfetto ready made di ogni nostro quotidiano, viene nobilitato e sottolineato dalla ceramica, dagli infiniti virtuosismi tecnici ed artistici che ci spingono a vedere oltre la superficie di ciò che stiamo guardando.

Riconoscendo ogni singolo oggetto e sapendo il loro scopo, evochiamo metafore e connessioni logiche che creano storie subito comprensibili e condivise da tutti.

La mostra è visitabile dal 30 novembre fino al 13 aprile 2020; ogni sabato dalle 15 alle 19 vengono effettuate visite guidate.

Anche quest'anno da questo venerdì a domenica (dall'11 al 13 ottobre) saremo ad ArtVerona, una fiera frizzante che ha messo al centro la figura del collezionista, e che si sta sempre più affermando nel panorama nazionale.

Nel nostro nuovo stand (si, ci siamo spostati un una nuova posizione più centrale, pad.12 stand I5) ritroverai alcuni dei nostri artisti, ma anche un paio di interessanti novità!

Presentiamo per la prima volta in fiera Bertozzi & Casoni, dopo il grande apprezzamento ricevuto dalle loro opere in ceramica a Venezia nella mostra “Mortalia Dement” che abbiamo organizzato in occasione della Biennale. Il noto duo artistico sorprende sempre per l’incredibile capacità nel ricreare in ceramica oggetti che sembrano reali: dai resti di un pasto con piatti, sigarette, tazzine e accendini affastellati, agli animali riprodotti con grande realismo, come la civetta appoggiata su un bidone di vernice. “Un’epopea del trash”, dove l’attrazione per quanto è caduco, transitorio, deperibile e in disfacimento, diventa icona di una, non solo contemporanea, condizione umana.

Tra gli ultimi acquisti della MLB c’è anche Matteo Valerio, giovane talento uscito dalla Central Saint Martins di Londra, che realizza opere in cui il tema della sostenibilità si unisce a quello della produzione artigianale dei tessuti. E’ affascinante ascoltare il racconto delle sue tele, amorevolmente cucite a mano e tinte con sapienza con gli antichi coloranti naturali tratti da fiori e insetti, come la cocciniglia e l’indaco. La sua ricerca si contrappone al drastico cambiamento della produzione tessile dell’ultimo secolo, sempre meno durevole e resistente.

Un appuntamento da non perdere è quello con Anna Di Prospero, selezionata da Saverio Verini per la serie di incontri "Io, l'opera e tu", che venerdì alle 12.30 racconterà l'evoluzione del suo lavoro a partire dalle opere della serie “Urban self-portrait”, dove l’artista ritrae se stessa in poetici ed evocativi autoscatti in cui il suo corpo “interpreta” l'architettura contemporanea, piccoli atti performativi in cui “il corpo di Anna”, come scrive Antonio Grulli – “diventa un’architettura morbida. È un segno di punteggiatura essenziale per leggere l’immagine, percepirne le linee di forza. Potrebbero essere autoritratti urbani, ma la figura diventa un elemento della composizione, come se fosse un’unità di misura. Ci sono elementi che ritornano, come contrappunti di una melodia: le gambe nude, le mani che si sfiorano, i vestiti monocromatici neri o rossi, i lunghi capelli sciolti o raccolti in uno chignon da ballerina. Gli scatti dove il corpo si curva o si piega sembrano essere inondati di musica. In quei gesti netti, precisi, costruiti con cura, che possono far pensare a un’attenzione particolare per le coreografiche di Pina Bausch, emergono le emozioni”.

Una gigantesca rosa rossa ricamata su velluto accoglierà i visitatori all’ingresso dello stand: è una delle opere più affascinanti di Ketty Tagliatti, per la prima volta esposta in una fiera. Come lei stessa racconta, “la rosa è un pretesto per indagare il tempo del fare arte, che nel mio caso è un tempo lento, che implica la calma ritualità di gesti catartici, sempre uguali. Una manualità intesa come rito: ho utilizzato in questo senso il ricamo per attaccare spine di rose reali sulla tela, per farle emergere dalla tela attraverso un intreccio di spilli, o come in questo caso, per creare attraverso un groviglio di fili l’immagine della rosa su un velluto rosso”.

Marcello Carrà infine presenta un inedito trittico di opere rotanti. Ogni pannello del trittico contiene due versioni di nature morte disegnate con la penna Bic, una appartenente al mondo attuale a una al mondo del passato. In ognuna compaiono diversi oggetti che scandiscono le tre fasi della giornata, le ore del mattino, quelle centrali e infine la sera, in un confronto tra abitudini antiche e usi contemporanei Ogni opera è girevole e uno strato di acqua con un colorante nero, inserito in un vetrocamera interposto, non consente la visione contemporanea di entrambi i disegni, ma solamente di una metà: così abbiamo sopra gli oggetti antichi, sotto quelli di oggi, o il contrario.

NEL PAESE DELLA MERAVIGLIA

Viaggio fantastico tra il micro e il macro

a cura di Maria Livia Brunelli e Stefano Mazzotti

La meraviglia dell’uomo di fronte alla natura e agli animali rivive nelle opere di due artisti, Barbara Capponi e Marcello Carrà, che ricreano con strumenti diversi due universi di dimensioni micro e macroscopiche, due mondi “distinti ma non distanti”, anzi intimamente legati da quello stesso senso di stupore che le diverse manifestazioni della vita sul pianeta hanno sempre creato nell’uomo.

I Retablos di Barbara Capponi nascono per lo sguardo bambino: sono micro mondi dentro scatole magiche, minuscoli diorami fulminati da un titolo, piccole macchine che generano stupore Per l’artista la meraviglia è legata a tre dimensioni, che considera “parchi naturali dell’anima”: la tra poesia, gioco e umorismo. I Retablos sembrano parenti dei giocattoli – piccoli, colorati, attraenti – e, malgrado in genere trattino temi molto seri, lo fanno in un modo che piace molto ai bambini e anche alla parte bambina dentro le persone grandi.

Marcello Carrà affronta il tema della meraviglia affidandosi ai pensieri di un bambino, capace di essere totalmente convincente e in grado di aprire gli occhi e la mente dei “grandi". L’artista presenta una serie di sculture di animali unite a disegni e testi a penna biro scritti sulle pagine di un quaderno delle elementari, oltre a un impressionante disegno di una cavalletta su un unico foglio di 8 metri, insetto scelto come esponente di un microcosmo di cui l’uomo ha ben poca considerazione, ma che nella sua rappresentazione macroscopica evidenzia la complessità delle forme e delle potenzialità della natura.

La mostra è organizzata in collaborazione con la MLB Gallery, è visitabile dal 20 giugno al 20 ottobre tutti i giorni dal martedì alla domenica dalle 9 alle 18 ed è compresa nel percorso del museo, senza costi aggiuntivi.

NEL PAESE DELLA MERAVIGLIA

Viaggio fantastico tra il micro e il macro

a cura di Maria Livia Brunelli e Stefano Mazzotti

La meraviglia dell’uomo di fronte alla natura e agli animali rivive nelle opere di due artisti, Barbara Capponi e Marcello Carrà, che ricreano con strumenti diversi due universi di dimensioni micro e macroscopiche, due mondi “distinti ma non distanti”, anzi intimamente legati da quello stesso senso di stupore che le diverse manifestazioni della vita sul pianeta hanno sempre creato nell’uomo.

I Retablos di Barbara Capponi nascono per lo sguardo bambino: sono micro mondi dentro scatole magiche, minuscoli diorami fulminati da un titolo, piccole macchine che generano stupore Per l’artista la meraviglia è legata a tre dimensioni, che considera “parchi naturali dell’anima”: la tra poesia, gioco e umorismo. I Retablos sembrano parenti dei giocattoli – piccoli, colorati, attraenti – e, malgrado in genere trattino temi molto seri, lo fanno in un modo che piace molto ai bambini e anche alla parte bambina dentro le persone grandi.

Marcello Carrà affronta il tema della meraviglia affidandosi ai pensieri di un bambino, capace di essere totalmente convincente e in grado di aprire gli occhi e la mente dei “grandi". L’artista presenta una serie di sculture di animali unite a disegni e testi a penna biro scritti sulle pagine di un quaderno delle elementari, oltre a un impressionante disegno di una cavalletta su un unico foglio di 8 metri, insetto scelto come esponente di un microcosmo di cui l’uomo ha ben poca considerazione, ma che nella sua rappresentazione macroscopica evidenzia la complessità delle forme e delle potenzialità della natura.

La mostra è organizzata in collaborazione con la MLB Gallery, è visitabile dal 20 giugno al 20 ottobre tutti i giorni dal martedì alla domenica dalle 9 alle 18 ed è compresa nel percorso del museo, senza costi aggiuntivi.

Page 1 of 25

Iscriviti alla nostra newsletter

I agree with the Terms and Conditions

Info.mlbgallery.com usa i cookies per il login, la navigazione e altre funzioni di tracciamento. Accetta per consentire i cookies.